10 cose belle dal Fuorisalone 2016

Design
// 27 aprile 2016


Gentilin_ Adspazio


Il Fuorisalone é divenuto ormai un’occasione unica per presentare oggetti di design e nuovi progetti. Una vetrina a 360°, un’esposizione internazionale e un contenitore di idee e spunti per qualsiasi settore. Ecco i progetti visti al Fuorisalone 2016 che ci hanno colpito maggiormente.

Ispirandosi al tema dell’Armonia Ribelle, Moooi ha svelato la nuova collezione di 22 pezzi maestosamente presentati su piedistalli e collocati all’interno di una sala da ballo oscura e seducente. Grazie ad una tecnologia ad alta risoluzione di stampa, i tappeti completano l’ambiente con una combinazione unica di colori vivaci, con foto dalle immagini realistiche e con la magia delle stampe tridimensionali.

La mostra HOMMMREVOLUTION presenta le nuove proposte per il 2016, frutto della ricerca del marchio su ”L’ergonomia del Piacere”, mirata all’ottimizzazione del piacere in opposizione al concetto convenzionale che lega questa scienza alla produttività e alla sua ottimizzazione.

Il “quadrato profumato” è servito. Kaorimasu è un contenitore per il tradizionale sakè giapponese. Il Giappone ha prodotti molto diversi rispetto agli oggetti conosciuti nella cultura europea. Lo scopo del progetto Bud-Brand è riproporre lo stile di vita giapponese nella cultura internazionale di oggi attraverso il lavoro di designer giapponesi locali.

Il progetto TAKE AWAY RooM, di Crjos Design Milano elabora il design veloce da comprare, montare e smontare, eliminando le differenze tra l’arredo outdoor e indoor. L’architetto Rita Rijillo, che usa bilaminato stratificato, interpreta un bisogno della società mobile ed esigente.

Mobili moderni ispirati all’architettura e ai paesaggi. DEUTSU è uno studio di design dove diverse discipline si incontrano – un laboratorio sperimentale, un workshop di falegnameria e metalli, uno spazio di prototipazione e realizzazione di mobile, uno studio di architettura. La sua filosofia è di creare un design senza tempo che sia sostenibile e duraturo, destinato a rimanere nel tempo.

L’installazione MINI LIVING Do Disturb riassume il moderno concetto di abitazione condivisa. In collaborazione con lo studio di architettura giapponese ON Design e il team berlinese ARUP, Mini crea un sistema di appartamenti di 30 mq in cui le aree riservate si alternano alle aree comuni, così da ottimizzare gli spazi e creare occasioni di condivisione.

“Sinestesie dello spazio contemporaneo”. Un trittico di architetture sensoriali che, come scrigni percettivi, custodiscono tre cucine inedite, presentate in anteprima al Superstudio. Uno spazio ideale che esprime la sartorialità di TM Italia come un insieme di valori che avvolgono il prodotto con la libertà creativa di chi ogni giorno realizza pezzi unici su misura del cliente.

L’architetto Tobias Schwarzer crea MINIKI: la cucina che non c’è! Miniki è il primo sistema cucina che, dopo l’uso, si trasforma in un elegante sideboard. I moduli possono essere combinati in diverse colorazioni: dall’energia trasmessa dai moduli monocromi all’allegria delle combinazioni policrome, le possibilità di abbinamento cromatico sono pressoché illimitate.

Rainato presenta 3 interni dedicati al mercato del luxury: un prestigioso allestimento in marmo e onice, pensato dallo Studio Ceron & Ceron e “vestito” da fmf falegnameria atelier, partner per l’evento. Animati da creatività e maestria artigianale, legno e marmo insieme esprimono tutto il loro spirito Made in Italy e diventano i protagonisti della Library Hall dell’Hotel Magna Pars Suite Milano.

Gentilin Design realizza prodotti in metallo per il living, esaudendo, con ironia, i desideri delle persone. Un design di eccellenza, un segno essenziale e un ricercato equilibrio di volumi dove il metallo diventa leggero, raffinato, intrigante. Il legno si mescola al materiale freddo conferendogli calore e originalità. Un mix dal forte carattere distintivo.

 

Categorie
Design


Lascia una risposta

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

edgedoll.com